09 nov 2012

parte il progetto “appunti per la città - giardini scolastici” per riqualificare nove giardini scolastici

Vi ricordate la vicenda del giardino di Iseo? In poche parole, lo scorso anno scolastico il Consiglio di Istituto dell'IC Don Orione rinunciò ad un progetto per riqualificare il cortile della scuola elementare di via Iseo, non senza uno strascico di polemiche (per chi volesse ripercorrere le tappe di quella faccenda può consultare i nostri blog: clicca qui).
Quello che ci interessa oggi è informare genitori ed insegnanti che quel progetto è stato avviato. Per la Zona 9 la scuola selezionata è la Agazzi di via Gabbro (che ha sostituito Iseo rinunciataria).

Sul progetto riportiamo per intero l'articolo di Antiniska Pozzi pubblicato da ChiamaMilano (notiziario n. 512 del 9 novembre 2012).

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
Purtroppo, come spesso abbiamo visto, le scuole di Milano hanno costante bisogno di migliorie, sia dal punto di vista delle strutture che le ospitano sia per quanto riguarda gli aspetti legati all’organico e alla didattica: colpa di una endemica carenza di fondi e spesso di politiche che trattano il mondo-scuola come fosse un apparato secondario e non una priorità.
La buona notizia di questi giorni riguarda il verde scolastico: grazie a un’idea di Legambiente e ABCittà, promossa dal Comune di Milano, 9 giardini scolastici in città verranno riqualificati. Uno per ogni Zona della città, secondo il progetto “Appunti per la Città-Giardini Scolastici”, che prevede che le aree riqualificate vengano in futuro anche aperte alla cittadinanza oltre all’orario scolastico.
Una riqualificazione che parte tra le mura scolastiche per coinvolgere tutte le famiglie e i residenti: “Questo progetto - ha spiegato la vicesindaco Maria Grazia Guida, durante la presentazione - nasce dagli spunti che i bambini ci hanno restituito il 20 novembre dello scorso anno, in occasione della “Giornata internazionale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza”. Nell'incontro con i vari assessori durante delle sedute speciali dei Consigli di Zona dei Ragazzi, molti bambini ci avevano espresso il desiderio di intervenire sui loro giardini scolastici. Così è nata l'idea di far progettare e realizzare a loro le proposte per migliorare gli spazi verdi all'interno delle scuole. Siamo felici di dare il via oggi a questo bel percorso che coniuga responsabilità, partecipazione ed educazione ambientale”.
16 scuole e 4500 bambini sono i numeri coinvolti nel progetto, che punta a riportare nella quotidianità del contesto urbano spazi Verdi esistenti e non sfruttati.
La riqualificazione dei giardini scolastici sarà progettata proprio dai bambini delle scuole, che durante l'inverno lavoreranno per disegnare il giardino dei loro sogni e dalla primavera lo realizzeranno, insieme a insegnanti, genitori, associazioni del territorio. Il processo proposto per la trasformazione di questi giardini sarà dunque esso stesso un’occasione educativa e di partecipazione, in sintonia con gli obiettivi dei nuovi Consigli di Zona dei Ragazzi. Il progetto godrà di un finanziamento dai fondi del II Piano Infanzia della Legge 285/97 per 600mila euro.
Un progetto che coniuga educazione, attenzione per l’ambiente, partecipazione civica.
Gli Istituti Scolastici selezionati per il progetto (in base naturalmente a specifiche caratteristiche come la fruibilità da parte sia della scuola dell’infanzia che della scuola primaria e accessibilità diretta dalla strada) sono: scuola dell’Infanzia di via Crivelli (zona 1), in zona 2 alla scuola d’Infanzia di via Giacosa e Istituto Statale Comprensivo Casa del Sole, Scuola dell’Infanzia e Primaria di via Clericetti (Zona 3), Scuola dell’Infanzia Barabino (Zona 4), primaria Arcadia (Zona 5), scuola dell’infanzia di via Narcisi (Zona 6), scuola di via Branca (Zona 7), scuola Primaria Graf (Zona 8) e infine Scuola Agazzi in via Gabbro (Zona 9).
A.Pozzi (pubblicato da ChiamaMilano, notiziario n. 512  del 9 novembre 2012)

Nessun commento: