04 dic 2013

il rapporto sbilanciamoci! 2014, le proposte nell’ambito cultura e conoscenza

Anche quest’anno è stato presentato il nuovo Rapporto di [Sbilanciamoci!] su “Come usare la spesa pubblica per i diritti, la pace, l’ambiente”. Il Rapporto analizza criticamente le politiche del governo italiano e dell’Unione europea e propone una manovra da 26 miliardi di euro. Si tratta di  106 proposte sia sul versante delle entrate che su quello delle uscite il cui obiettivo è delineare una manovra capace di rilanciare l’occupazione e di operare una redistribuzione della ricchezza nel nostro Paese.
Con la legge di stabilità il governo propone al Parlamento e al paese delle scelte ben precise su come allocare le risorse pubbliche, ovvero i soldi delle nostre tasse. Scelte che hanno impatti di enorme rilevanza sulle nostre vite. Dal 2001 la campagna Sbilanciamoci! mostra che sono possibili delle decisioni radicalmente differenti, sia dal lato delle entrate che da quello delle uscite.
Ma dove prendere i soldi? Ovviamente dove ci sono. E dove impiegarli? Ovviamente dove sono realmente necessari. I tagli della spesa pubblica sbagliata, come quella per la Difesa e per le “grandi opere”, possono consentire di investire nel lavoro, nella tutela dell’ambiente e nella redistribuzione della ricchezza.
Le proposte si Sbilanciamoci! sono state ripartite in 7 aree tematiche principali: Fisco e Finanza, Lavoro e Reddito, Cultura e Conoscenza, Ambiente e sviluppo sostenibile, Welfare e diritti, Cooperazione pace e disarmo, Altraeconomia.
Concentriamo la nostra attenzione sulle proposte nell’ambito Cultura e Conoscenza.
La spesa in Istruzione in Italia è pari al 4,9% del PIL (nei paesi del nord Europa si arriva ad investire anche il doppio). Inoltre l’Italia è l’unico paese dell’area OCSE che dal 1995 NON ha aumentato la spesa per studente nella scuola primaria e secondaria (la media è di un aumento del 62%).
Sbilanciamoci!  propone un forte rifinanziamento dei settori maggiormente colpiti negli anni come la cultura (2,4 miliardi) e la conoscenza  (1,5 miliardi per il Fondo di Finanziamento Ordinario delle università, fondamentale anche per la ricerca, e 1 miliardo per l’edilizia scolastica). Una particolare attenzione è dedicata alla copertura totale delle borse di studio universitarie per l’abolizione della figura dell’idoneo non vincitore (350 milioni), all’eliminazione del dottorato di ricerca senza borsa (50 milioni), alla lotta alla dispersione  scolastica (30 milioni), all’innalzamento dell’obbligo scolastico a 18 anni  e l’integrazione (200 milioni). Viene inoltre proposta l’istituzione di un fondo nazionale per le attività culturali (600 milioni) e il libero accesso alle attività culturali da parte di studenti e soggetti in formazione (50 milioni). Inoltre con l’eliminazione dei fondi alle scuole private e del buono scuola si risparmierebbero fino a 500 milioni di euro (minori uscite).

Entrate / uscite previste dal Rapporto Sbilanciamoci! nell’area Cultura e Conoscenza [clicca qui]

Il testo completo del rapporto del rapporto Sbilanciamoci! [clicca qui]
Nel documento le politiche del governo nell’area Cultura e Conoscenza sono illustrate da pag. 57 a pag. 75 (nel PDF pagg. 29/38), il dettaglio delle proposte da pag. 137 a pag. 139 (nel PDF pagg. 69/71)

La scheda riassuntiva della manovra [clicca qui]

Nessun commento: